Cerco la sede più vicina...

In caso di lutto

Roma
06 48 88 68
Scegli la sede Taffo in Italia
Novara Castel San Pietro Terme Torino Bologna Vicenza Venezia Ancona Roma

Per migliorare la tua esperienza, attiva la geolocalizzazione del tuo dispositivo e aggiorna questa pagina cliccando qui. Oppure seleziona manualmente una sede.

Entra nel sito
In caso di lutto

IN CASO DI LUTTO

Quando la morte è imminente è possibile avvertire alcuni segnali che indicano che il paziente o il familiare ha ormai poche ore di vita. Uno di questi segnali, forse il più noto, è il cosiddetto “rantolo della morte”. Si tratta di un particolare respiro affannoso e rumoroso che i pazienti che stanno per morire hanno nel momento in cui si avvicina il momento del trapasso.

A scoprire la correlazione tra questo particolare respiro e la morte imminente è stato il medico Daniel Murrell, uno specialista di malattie infettive della University of Alabama a Birmingham. È stato lui a creare il nome di rantolo della morte e a spiegarne le motivazioni.

Generalmente, quando una persona sta per morire, si verifica una incapacità di deglutire e di tossire insieme ad un anormale rilassamento del palato. Questo causa il verificarsi di questo respiro molto rumoroso dovuto al fatto che la persona non riesce ad eliminare le secrezioni dell’apparato respiratorio e può sembrare che stia per soffocare. Spesso al rantolo si accompagnano anche cambiamenti nella respirazione e questo può far soffrire i familiari che credono che il loro caro stia in qualche modo soffrendo. In realtà il rantolo della morte non è doloroso e si può alleviare sia somministrando farmaci – e deve sempre essere un sanitario a farlo – oppure girando il paziente su un fianco per qualche minuto, sollevando la testa o bagnando le labbra secche.

Il rantolo della morte spesso è accompagnato da altri segnali respiratori indicativi di morte imminente. Ad esempio, quando il respiro diventa irregolare e l’espirazione è più lunga dell’inspirazione significa che la morte è vicina. Lo stesso vale quando il respiro diventa molto veloce e irregolare, con momenti in cui la persona morente va in apnea. Le interruzioni del respiro possono essere anche molto lunghe, da 20 a 50 secondi, e in questa fase è importante stare tutti accanto al morente senza sollecitarlo con rumori eccessivi o discussioni e panico. È invece il momento perfetto per raccogliersi tutti accanto a lui e accompagnarlo dolcemente al trapasso.

Cosa si prova nel momento in cui si muore?

10 Gennaio 2019

Difficile dire cosa si prova nel momento in cui si muore, anche perché nessuno che sia effettivamente morto è in grado di raccontarcelo. Quello che però può contribuire a farci un’idea di cosa si prova nel momento in cui...

Cosa c’è dopo la morte secondo le principali religioni?

4 Dicembre 2018

Cosa c’è dopo la morte? Anche i più scettici si saranno fatti questa domanda. Tutte le religioni del mondo hanno dato una risposta e ogni credo, a suo modo e secondo le sue tradizioni, ha stabilito un luogo dove...

Certificazioni

Contattaci

Siamo Operativi 24/7

L’Agenzia Funebre Taffo Funeral Services offre un servizio di pronto intervento attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 su tutto il territorio nazionale. Ogni sede è aperta dalle 8.00 alle 19.00 con orario continuato con possibilità di ricevere su appuntamento anche in orari notturni.

 

    “La morte è un’usanza che tutti, prima o poi, dobbiamo rispettare.”

    (JORGE LOUIS BORGES)

    ISCRIVITI ALLA
    NEWSLETTER

    IN CASO DI LUTTO:CHIAMACI 24/7

    Scegli l'agenzia nella tua città

    Scegli altra città Novara Castel San Pietro Terme Torino Bologna Vicenza Venezia Ancona Roma